OTTIENI GRATIS IL MIGLIOR PREVENTIVO PER IL TUO PRESTITO.

DI CHE TIPO DI PRESTITO HAI BISOGNO?

Home / Cessione del Quinto / Assicurazioni e prestiti: come funziona la polizza sulla cessione del quinto?
polizza-sulla-cessione-del-quinto

Assicurazioni e prestiti: come funziona la polizza sulla cessione del quinto?

La cessione del quinto è uno strumento noto che consente di poter richiedere un prestito o un mutuo potendo cedere il 20% del proprio stipendio o pensione direttamente alla fonte. Come funziona, dunque, la procedura della sottoscrizione della polizza assicurativa che gli istituti di credito o le finanziarie consigliano al richiedente di stipulare per avere maggiori garanzie?

A cosa serve la polizza di cessione del quinto?

La stipula del contratto assicurativo tutela l’istituto in caso d’imprevisti inaspettati che possano mettere in difficoltà la restituzione del debito come un decesso, una malattia, una disabilità o il venire meno del reddito per licenziamento.

La perdita di lavoro è uno degli eventi consueti che determinano l’attivazione della polizza.
La compagnia assicurativa provvede a onorare il prestito fino a quando il lavoratore non rientra in possesso di nuovo dell’impiego. Per attivare questa vera formula di salvaguardia bisogna motivare e documentare il licenziamento involontario. È fondamentale controllare le eventuali clausole compromissorie previste nel contratto: alcune compagnie non coprono il licenziamento per giusta causa o scivolamenti anticipati verso la pensione.

Nella invalidità totale la compagnia copre le rate fino alla conclusione de prestito. Per gli infortuni temporanei la società assicurativa interviene pagando solo una percentuale della rata, non la totalità, in base ai tempi di recupero del lavoratore. Per l’estrema ratio del decesso, invece, la copertura assicurativa solleva gli eredi da ogni onere e coprirà l’intero importo mancante.

polizza-sulla-cessione-del-quinto

Come funziona l’Assicurazione e cessione del quinto

Il prodotto coinvolge i lavoratori dipendenti del settore pubblico o privato, e anche i pensionati. Ogni polizza può avere una durata che non può superare le 120 rate e i dieci anni di sviluppo. L’entità della somma da assicurare non ha un limite, è vincolata al totale degli emolumenti rapportati alla soglia del 20% comprensivi sia della quota interessi che del capitale.

Volendo fare un calcolo approssimativo su uno stipendio netto annuo di 25.000 si possono restituire su 10 anni 50.000 euro con una rata mensile di circa 416€. La rata massima sarà detratta dal cedolino e versata all’ente creditizio che attivato la polizza. Per un calcolo più preciso, basta cliccare qui per la simulazione cessione del quinto.

Bisogna precisare che non tutte le coperture assicurative sono obbligatorie, tranne nel caso del decesso e della perdita del lavoro. Il rischio della perdita di lavoro viene coperto con due tipologie di polizza, una che copre il debito e l’altra che tutela da perdite economiche che si possono generare in futuro e che al momento non è possibile quantificare nella loro totalità.

Differenza tra il rischio del credito e perdite future

Se il debitore perde il posto di lavoro per ragioni indipendenti dalla sua volontà, quindi non per giusta causa così come la legge Fornero o il Jobs Act hanno previsto, l’istituto assicurativo onorerà il debito nei confronti della società di credito. La modalità differisce per il rischio attuale di non onorare il debito e le perdite non prevedibili future. Nel primo caso la compagnia liquida per poi richiedere un rimborso al creditore.
Nel caso delle perdite future il creditore vedrà coprire il debito dalla società assicurativa fino a quando non rientrerà a pieno titolo nel mondo del lavoro.

Costi, curiosità e come risparmiare

Il prezzo assicurativo non ha un valore fisso, ma muta in considerazione all’età, al sesso e alla salute o in base alle aspettative di vita del richiedente. La società che emette un finanziamento non può per legge erogare anche l’assicurazione sulla polizza con cessione. Questo è sancito da un impianto legislativo del 2012 che impone anche la presentazione di almeno due preventivi, in modo da scegliere quello più competitivo o conveniente. Per risparmiare, conviene verificare il Taeg dell’assicurazione di copertura del prestito. Questo indicatore annovera anche gli interessi e altre spese accessorie; potendo confrontare più proposte è possibile trovare l’offerta più conveniente.

Check Also

cessione-quinto-maternita

Cessione del quinto e maternità: guida alla normativa

Contenuti dell'Articolo1 Assegni di maternità: normativa in tema di cessione del quinto2 Lavoratrici dipendenti in …