OTTIENI GRATIS IL MIGLIOR PREVENTIVO PER IL TUO PRESTITO.

DI CHE TIPO DI PRESTITO HAI BISOGNO?

Home / Cessione del Quinto / Come ottenere la cessione del quinto senza TFR?
prestiti-cessione-del-quinto-senza-tfr

Come ottenere la cessione del quinto senza TFR?

Prestito senza TFR: lavoratori ammessi

A prescindere dalla garanzia del Trattamento di Fine Rapporto (TFR) è sempre possibile accedere a un prestito con la formula della cessione del quinto, un tipo di finanziamento non finalizzato e in larga espansione per le condizioni previste. Si tratta di una valida possibilità di accesso al credito, concessa dagli istituti bancari e dalle numerose finanziarie a particolari categorie di lavoratori, in base a precisi requisiti stabiliti dagli stessi istituti di credito.

Alcune finanziarie, infatti, preferiscono riservare i prestiti con cessione del quinto senza TFR esclusivamente ai lavoratori dipendenti dei settori pubblici, ritenendoli meno a rischio di insolvenza, mentre altri istituti di credito preferiscono destinare tali finanziamenti anche ai lavoratori delle grandi imprese. Principalmente, per quanto riguarda i lavoratori del pubblico impiego, la retribuzione mensile continua e regolare costituisce una forma di garanzia sicura e molta gradita alle banche.

La situazione si complica sensibilmente al cospetto di lavoratori dipendenti di piccole aziende, strutture con un numero esiguo di dipendenti. Questo perché banche e finanziarie ritengono meno affidabili i contratti di lavoro stipulati con imprese di dimensioni ridotte e quindi più a rischio di risoluzione. Tuttavia, in ogni caso, si suggerisce di consultare direttamente gli istituti di credito perché in relazione alla concessione del prestito con la cessione del quinto con poco TFR o senza le banche e le finanziarie hanno un comportamento personalizzato.

Spesso gli istituti di finanziamento esaminano le domande di prestito tenendo conto del settore commerciale di riferimento dell’azienda di appartenenza dei lavoratori dipendenti e, anche in base a precise indagini, per risalire alla stabilità finanziaria dell’azienda stessa o per conoscere eventuali segnalazioni negative alla Centrale dei Rischi a carico dell’impresa.

cessione-del-quinto-senza-tfr

Prestiti cessione del quinto senza TFR: soglia limite

Come facilmente intuibile dallo stesso nome, il prestito con la cessione del quinto senza TFR viene concesso per rate non maggiori del 20% della retribuzione netta mensile percepita dal lavoratore interessato. In altre parole, con uno stipendio mensile pari a 1.800 euro, la rata da corrispondere non potrà superare i 360 euro al mese.

Una soglia limite al netto di prestiti già in atto perché, in caso di una retribuzione mensile impegnata già per il 10%, è possibile fruire del prestito con la cessione del quinto senza TFR solamente per l’altro 10%. Nel caso citato, dunque, la quota di rata mensile da restituire alla banca o alla finanziaria sarebbe pari a un importo di 180 euro.

Cosa diversa avviene, invece, se si possiede un piccolo stipendio: secondo la logica che sta dietro la cessione del quinto –che mira sempre a garantire e tutelare il benessere economico del richiedente del prestito-, non si punta mai a sottrarre un quinto di 800 euro, per esempio, perché poi il richiedente del prestito si troverebbe a vivere con 640€ che sono al di sotto della soglia minima accettabile.

Assenza di TFR: le garanzie alternative

cessione-del-quinto-no-tfr

Naturalmente il Trattamento di Fine Rapporto resta una gradita garanzia per tutti gli istituti di finanziamento: ciò non toglie, però, che la possibilità di richiedere il prestito con la cessione del quinto non è preclusa anche senza TFR. Una garanzia che potrebbe non esserci perché il rapporto di lavoro è stato instaurato dal lavoratore dipendente da poco tempo, perché è stato richiesto un anticipo sulla liquidazione o in quanto utilizzata per saldare altri debiti in corso.

In questi casi, per avere libero accesso al credito, la cosa fondamentale è poter dimostrare alla banca un altro tipo di garanzia particolarmente rassicurante: polizza sulla vita oppure un’assicurazione a tutela di un’eventuale perdita del posto di lavoro. Entrambe valide forme di tutela per sopperire alla mancanza del TFR e per mettere gli istituti di credito con le spalle al sicuro di fronte ai rischi di insolvenza da parte dei richiedenti il prestito. In alcuni casi, anche le garanzie per richiedere la cessione del quinto offerte da parenti pensionati possono essere accettate.

Confrontare i diversi preventivi offerti da banche e agenzie di credito è la modalità più sicura per capire se, in assenza di TFR, si possa accedere a un prestito o a una cessione del quinto. Fornendo a queste tutti i dati necessari, anche online, si potrà capire in fretta se si possiedono i requisiti ai fini dell’ottenimento del prestito e si potrà anche calcolare cessione del quinto.

Check Also

azienda-non-versa-rate-cessione-del-quinto

E se l’azienda non versa le rate della cessione del quinto?

Contenuti dell'Articolo1 Che fare se l’azienda non versa le rate della cessione del quinto2 Cosa …